Pete-21.jpg

3 January 2017 EVENTISTAMPA

Pierluigi Pompei – Professore Associato presso la Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute dell’Università di Camerino – è stato uno dei protagonisti della 5th International Conference and Exhibition on Natural & Alternative Medicine, svoltasi dal 5 al 7 settembre 2016 a Beijing.


cell-science-systems-logo.png

27 May 2016 EVENTINOTIZIESTUDI

cell-science-systems-logoCell Science System US, ha appena pubblicato un nuovo studio scientifico inerente il test Alcat.

 

Il titolo dell’indagine è traducibile come: Eliminazione selettiva dei cibi basata sul referto dell’Alcat test ed effetti registrati sui marker delle infiammazioni, sulla composizione corporea e sui sintomi medici.

Si tratta di uno dei primi studi noti finalizzati a stabilire se il cibo influisce su infiammazioni diffuse in tutto il corpo; J. Lukaszuk, M. Shokrani, J. Hoppensteadt e J. Umoren hanno registrato le loro osservazioni nella primavera del 2015 presso la Northern Illinois University.

Lo studio clinico è stato condotto su soggetti umani, randomizzato e controllato con il metodo doppio cieco; a tutti i partecipanti è stato eseguito l’Alcat test (Cell Science Systems- CSS) e, successivamente, al gruppo di controllo è stato somministrato un placebo. A ciascun soggetto partecipante è stata fornita una lista di alimenti da evitare e di comportamenti da seguire durante tutto il corso della ricerca. Il gruppo di trattamento (87 persone) ha ricevuto l’elenco corretto dei cibi da non consumare mentre al gruppo trattato con placebo (46 persone) ne è stato fornito uno falso. Al termine dello studio a tutti i partecipanti è stato fornito l’elenco corretto dei cibi che provocano loro reazioni.

 

I risultati più importanti tra quanti registrati sono i seguenti:

  • l’eliminazione dei cibi che causano infiammazione ha effetti positivi sui livelli di SAA (siero amiloide A), sull’indice di massa corporea e sui sintomi dichiarati nel questionario medico;
  • evitare i cibi che provocano le reazioni negative evidenziate dal referto Alcat può influenzare positivamente le risposte infiammatorie, la composizione corporea e il livello di benessere generale;
  • tutti i soggetti coinvolti nello studio, nel corso del colloquio tenutosi al termine dell’indagine, hanno manifestato l’intenzione di proseguire con il regime alimentare intrapreso dopo aver eseguito il test Alcat perché, riducendo il consumo di certi cibi, si sentono decisamente meglio.

 

Questo il link all’articolo che comprende una sintesi dello studio e una relazione video della Prof.ssa Judith Lukaszuk:

https://cellsciencesystems.com/education/news/effect-of-alcat-based-food-elimination-on-inflammatory-markers-body-composition-and-medical-symptoms/


pubmed_.jpg

25 November 2015 EVENTINOTIZIESTUDI

pubmed_Intolleranza alimentare: attivazione del sistema immunitario nelle malattie croniche grazie agli stimoli associati alla dieta

 

Nicole Pietschmann, PhD

 

Riassunto: La risposta immunitaria dell’organismo è un complesso sistema di interazioni tra componenti specifiche e non che si sono evolute per essere in grado di distinguere tra fattori non pericolosi, nocivi o, semplicemente, non tollerati. In passato le ricerche erano focalizzate più sul sistema immunitario specifico dell’organismo che sulle sue difese innate.

Gli studi hanno dimostrato che una componente chiave della risposta immunitaria induce l’attivazione dell’ infiammazione. È già stata ampiamente documentata la relazione diretta tra la presenza di infiammazione e la comparsa di una varietà di disturbi cronici e connessi all’alimentazione, tra cui arteriosclerosi, sindrome metabolica e disturbi cronici dell’intestino quali il morbo di Crohn e le coliti ulcerose.

L’attivazione dei leucociti – ALCAT test, un test immunologico su sangue per identificare le reazioni indotte dalle intolleranze alimentari – è ideale per identificare e così eliminare gli stimoli individuali connessi al cibo che possono anche agire come detonatore di una risposta immunitaria cellulare non specifica. Sebbene il test non sia diagnostico, gli studi hanno dimostrato che può essere un utile strumento di screening per l’identificazione della presenza di sostanze estranee che possano indurre l’attivazione della risposta immunitaria a livello cellulare: in particolare la presenza di neutrofili causa di infiammazioni.

ALCAT test, accoppiato ad una dieta mirata e stilata per ciascun paziente in base al risultato ottenuto con il test, può supportare l’omeostasi immunitaria e fornire un considerevole approccio complementare per la terapia e, in generale, per il benessere complessivo della persona.

 

(Altern Ther Health Med. 2015;21(4):42-52.)

 

Nicole Pietschmann, PhD, è consulente medico presso la sede di Cell Science Systems a Potsdam, in Germania.

 

Titolo originale: Food Intolerance: Immune Activation Through. Diet-associated Stimuli in Chronic Disease
Autore: Nicole Pietschmann, PhD
Anno di pubblicazione: 2015

download-pdf


FDA Alcat MINISTERO